Essere libere, pratiche di vita quotidiana: quanto conta volersi bene?

Giovedì 6 febbraio 2020

ore 18.00

Essere libere,

pratiche di vita quotidiana:

quanto conta volersi bene?

L’autostima

 

Durante gli incontri del nostro gruppo femminista – “Essere libere” – in cui abbiamo condiviso esperienze personali e riflessioni sul tema dell’indipendenza economica abbiamo concluso trovandoci d’accordo su un’idea di fondo: l’indipendenza economica è una condizione fondamentale per la libertà. Per indipendenza economica, affinchè il legame con la libertà sia costitutivo, è necessario però intendere una condizione di autosufficienza – avere una casa, avere il necessario per vivere – tale per cui sia possibile poter provvedere a sè stesse senza che i bisogni fondamentali della nostra vita dipendano da altre/altri.
Indipendenza economica non è il successo economico nè è una condizione che deve essere vincolata al lavoro (quanti lavori anzichè produrre libertà rendono schiave?), nè tantomeno coincide con l’ avere larga disponibilità di denaro.
Abbiamo capito che l’indipendenza economica non può bastare a se stessa come pratica di libertà, occorre affiancarle altre pratiche di vita quotidiana che, forse, ci siamo dette, sono ancora più importanti. La domanda rimane aperta.
La libertà abbiamo capito è combinazione di tante pratiche che, nella vita di ciascuna, nella storia di ognuna, agiscono rendendoci più libere.
Abbiamo deciso insieme, anche in base alle suggestioni venute dalle esperienze, che la prossima pratica di cui vorremmo discutere perchè fondamentale nella vita quotidiana, è quella dell’autostima: per autostima intendiamo il volersi bene, il valutare nel modo giusto ciò che si è e si fa, darsi valore. Questo, ci siamo dette, arricchisce enormemente la vita in termini di libertà. Essere indipendenti nel senso dell’amore per sè è fondamentale perchè vuol dire non dipendere dalla valutazione o svalutazione altrui.
Ne abbiamo solo accennato per ora e sarà il tema dei prossimi incontri.

Il gruppo è aperto a tutte le donne.