Thé letterario: le lettere di Katherine Mansfield

Martedì 3 dicembre 2019

dalle 17.00 alle 18.00

Thé letterario

Le lettere di Katherine Mansfield

 

Katherine Mansfield è una delle più importanti scrittrici di racconti al mondo. Nata in Nuova Zelanda nel 1888, si trasferirà a Londra nel 1902 e morirà giovanissima a causa della turbecolosi in un paesino della Francia dove era andata per curarsi nel 1923 . A Londra condusse una vita piuttosto sregolata, legandosi sentimentalmente ad almeno due donne, Maata Mahupuku e Edith Kathleen Bendall. Nel 1909, dopo un frettoloso matrimonio non consumato con George Bowden, maestro di canto, fu spedita dalla madre nella stazione termale di Bad Wörishofen in Baviera. In seguito a questi eventi, fu diseredata dalla madre, Annie Beauchamp. Nel corso del soggiorno bavarese, tuttavia, lesse per la prima volta Anton Čechov, scrittore che avrà su di lei un impatto significativo.

Nel 1911, Katherine pubblicò la prima raccolta di racconti, In a German Pension (da lei poi descritta come “immatura”) e venne in contatto con scrittori a lei contemporanei come David Herbert Lawrence e Virginia Woolf, e Lady Ottoline Morrell, mecenate vicina al Bloomsbury Group. Sempre nel 1911 conobbe il critico John Middleton Murry, che sposerà nel 1918 (anche se dopo la guerra ebbe una relazione con la giornalista Beatrice Hastings), stesso anno della pubblicazione di Prelude per i tipi della Hogarth Press.

Dopo aver contratto la tubercolosi nel 1917, inizia a trascorrere gli inverni all’estero, soprattutto in Francia e in Italia, senza trarne particolare giovamento. In questo senso sono particolarmente significative le lettere che scrisse perchè ci raccontano della condizione di isolamento a cui la turbecolosi l’aveva condannata ma illuminano anche per il genio e la raffinatezza con cui furono scritte.

Ingresso 5 euro (tessera Virginia Woolf)