Recensione del libro

Una ragazza è stata rapita, tenuta in una cassa per quattrocentosettantadue giorni. Affamata, violentata, distrutta nella mente e nel corpo, fino a quando finalmente la polizia irrompe nel motel dove era tenuta nascosta e la libera.

Ma è tutto, veramente, finito? Non ci si interroga mai su cosa accade dopo essere stati salvati da un rapimento. Quello che accade dopo, questo nuovo capitolo, spesso non è roseo come ci si aspetta.

D.D. Warren, la poliziotta della squadra investigativa di Boston, ora in servizio limitato dopo una ferita alla spalla, si trova a dover affrontare un nuovo complesso caso. Flora Dane viene ritrovata nel seminterrato di un appartamento di Boston, legata e nuda, con un cadavere accanto, presumibilmente quello del suo rapitore. Proprio quella Flora Dane sequestrata 5 anni prima e tenuta prigioniera per quattrocentosettantadue giorni dentro una cassa da un maniaco.

Una assurda casualità o la voglia di diventare giustiziera? Giustiziera e detective forse? Alla ricerca di altre 3 ragazze scomparse a Boston e dintorni?

Dopo quei lunghissimi quattrocentosettantadue giorni, Flora non è più Flora, non è più la ragazza scanzonata che viveva in una fattoria e che cercava di addomesticare le volpi. Dopo il suo rilascio quella che i familiari hanno ritrovato a casa è una ragazza completamente cambiata, una ragazza che non vuole più essere una vittima, che non accetta che altre ragazze possano subire quello che ha subito lei.

E mentre le indagini per scoprire esattamente cosa è successo in quel seminterrato proseguono, coordinate da D.D., Flora sparisce nel nulla ancora una volta. L’indagine allora si fa più ampia, D.D. e la sua squadra devono assolutamente ritrovare Flora,. ma riusciranno a ritrovare Flora? E riusciranno a ritrovare le altre ragazze scomparse? Riusciranno a ritrovare Stacy Summers, una delle ragazze scompare, i cui genitori erano in contatto con la madre di Flora?

Anche questa volta, Lisa Gardner dà vita ad un thriller avvincente, da leggere tutto d’un fiato, esplora una tematica sicuramente forte e che non può lasciare indifferenti. L’autrice costruisce un intreccio perfetto, per un libro avvincente che vi terrà incollati fino all’ultima pagina. Un romanzo che non ha paura di svelarci l’animo umano, quello che si perde nella violenza e nella perversione, e che ci mostra la forza della vittima, che non si lascia sopraffare ma che cerca soluzioni nuove e spontanee per sopravvivere.

Quando tutto è finito una vittima non è più una vittima, ma è una sopravvissuta e le si può perdonare tutto quello che ha fatto per sopravvivere.

Non sto bene.

Ma voglio stare bene. Voglio essere forte, determinata, avere il controllo di me stessa. Non voglio avere fame, sete, caldo, freddo, dolore, paura. Sono la versione nuova e migliorata di Flora Dane, il tipo di donna che non sarà mai più una vittima.

Sto tremando e non riesco a controllarmi.

Dettagli prodotto

  • Collana : Gli Alianti
  • Lingua :
  • Anno : 2016
  • Pagine : 460
  • Formato :
  • Prezzo € : 18,00
  • Codice ISBN : 9788871687520

info autrice / autore

Lisa Gardner

Autrice americana di thriller. Dal 2007 vive nel New Hampshire con due cani, un gatto, un marito e una figlia. Ha scritto molti romanzi con lo pseudonimo di Alicia Scott. In Italia sono stati pubblicati: La vicina (Marcos y Marcos 2012), A chi vuoi bene (2013 Marcos y Marcos), Toccata e fuga (2014 Marcos y Maros) e Prendimi (2015 Marcos y Marcos)