Recensione del libro

di Lucrezia Navarin

Jean Taylor è una donna priva di personalità. Completamente succube del marito Glen, lo ha appoggiato in ogni sua scelta senza mai dubitare né delle sue azioni, né delle sue parole, fidandosi di lui ciecamente.

Quando Glen è stato accusato del rapimento di Bella, una bambina di appena due anni, Jean gli è rimasta accanto, l’ha sostenuto in tribunale e a casa, dimostrando di non credere alle voci della polizia che facevano di lui un mostro.

Nemmeno per un istante Jean ha dubitato che Glen, il suo amato Glen, potesse aver compiuto un crimine simile.

“Glen ama i bambini”, “Glen non farebbe mai una cosa simile”, “Stanno solo cercando di incastrarlo”, “Ci risarciranno per tutto quello che gli stanno facendo patire”.

Jean conosce suo marito. Si amano. Lui la ama. E se lei dubitasse delle sue parole, che moglie sarebbe?

Ma le cose sono destinate a cambiare.

Un incidente improvviso porta Glen alla morte, seppellendo tutta la verità col suo corpo. O quasi tutta.

Perchè ora Jean si ritrova sola. Senza il suo faro, senza il suo punto di riferimento. Ed inevitabilmente inizia a dubitare. Inizia a parlare. Inizia a fare sempre più fatica a tenere la lingua a freno, senza Glen che la controlli.

Tutti vogliono ascoltare la versione della vedova. Tutti vogliono l’esclusiva sulle sue parole.

E così le indagini di un reparto di polizia poco competente si accavallano alla sete di informazione dei giornalisti e dei mass media, inciampando l’uno sui piedi dell’altro e Jean, la vedova, si ritrova, confusa e spaventata, schiacciata in un vortice di domande, interrogatori, offerte e patteggiamenti.

Solo lei può arrivare alla verità. Solo lei può risolvere il caso Bella Elliott. È solo sufficiente che qualcuno sia abbastanza bravo da farla parlare.

In questo giallo introspettivo l’autrice Fiona Barton esplora le vie più torbide della mente umana, dalle dipendenze patologiche ai pensieri più osceni, infiltrandosi tra i segreti e le bugie che contaminano un matrimonio all’apparenza perfetto.

E mettendo in luce l’inconscia cecità della protagonista che preferisce chiudersi nella sua bolla ideale, piuttosto che affrontare criticamente la realtà, piuttosto che domandarsi se il suo non sia solo un matrimonio di facciata, piuttosto che ammettere, anche solo per un attimo, che, colpevole o meno, il suo Glen non è la persona che lei credeva che fosse.

Una delle mie clienti in negozio diceva sempre che in ogni matrimonio c’è una fase tipo «amore disperato», poi si torna alla normalità. Ma era questa la normalità? Siamo proprio sicuri?

Dettagli prodotto

  • Collana : Stile Libero BIG
  • Lingua :
  • Anno : 2016
  • Pagine : 372
  • Formato :
  • Prezzo € : 18,50
  • Codice ISBN :

info autrice / autore

Fiona Barton

Fiona Barton si è occupata di cronaca per il Daily Mail, il Telegraph e il Mail On Sunday. Attualmente vive con il marito nel sud della Francia. Il suo libro d'esordio, "La vedova", è in corso di pubblicazione in 30 paesi e ne verrà anche tratta una serie tv.