Recensione del libro

Dalla quarta di copertina

Due donne camminano per le strade di New York. Due donne come tante: una madre e una figlia che ricordano il passato e inevitabilmente si scontrano. Poche volte, però, ci è dato di ascoltare da vicino una conversazione tanto intima, ma qui è possibile perché la figlia è Vivian Gornick e “Legami feroci” è il suo primo memoir, un libro diventato di culto e annoverato tra i più significativi del suo genere. È lei che ripercorre una vita segnata dalle continue lotte per l’indipendenza dalla madre, quella che le cammina accanto, intelligente pur se non istruita, prigioniera della perdita prematura del marito ma determinata ad affermare ancora e ancora il suo ruolo di leader non solo in famiglia, ma anche nella piccola comunità dove per anni hanno vissuto. Arguta, feroce, stravagante, questa madre è una gigantessa domestica con cui il confronto è sempre estremo. Vivian Gornick racconta in rigoroso disordine la sua vita con e contro una donna ingombrante, difficile, certo indimenticabile, in un libro che, come scrive Jonathan Lethem nella sua introduzione, “chiama l’applauso che si deve all’opera di un tecnico sopraffino.”

Dettagli prodotto

  • Collana :
  • Lingua : italiano
  • Anno : 2016
  • Pagine : 208
  • Formato :
  • Prezzo € : 17,00
  • Codice ISBN : 9788845282805

info autrice / autore

Vivian Gornick

Vivian Gornick è nata nel 1935 a New York, dove vive ancora oggi. Reporter per il “Village Voice” dal 1969 al 1977, collaboratrice di molte riviste prestigiose, ha pubblicato undici libri e insegna scrittura.