Su e giù per le scale

Categorie: ,

Recensione del libro

Monica Dickens è la pronipote del ben più famoso Charles e proviene dalla nota e facoltosa famiglia inglese. Siamo negli anni ’30 e la signorina Dickens non avrebbe bisogno di lavorare per vivere, ma in barba alle opposizioni della famiglia decide di improvvisarsi cuoca e di lavorare a servizio presso alcune famiglie londinesi.

Questo memoir è la cronaca divertentissima di questo esperimento sociale intrapreso da Monica. Assolutamente impreparata per il ruolo per cui viene assunta, Monica ci racconta con una buona dose di autoironia le sue esperienze lavorative, per lo più fallimentari. Acuto e divertente, questo testo è più che un romanzo, è una cronaca dei risultati dell’indagine antropologica che Monica intraprende: nelle sue esperienze lavorative la Dickens svela i meccanismi nascosti delle relazioni interpersonali quando esse sono condizionate dallo scambio di denaro, le difficoltà e i profondi pregiudizi delle classi agiate nei confronti delle classi lavoratrici e ci presenta una carrellata impietosa di tipi umani esemplificativi dell’aristocrazia e dell’alta borghesia britannica.

Grande intelligenza e spiccato umorismo per questo libro, consigliato assieme ad un buon thè e qualche biscotto.

Dettagli prodotto

  • Collana :
  • Lingua :
  • Anno : Luglio 2015
  • Pagine : 256
  • Formato :
  • Prezzo € : 16,50
  • Codice ISBN : 9788861929036

info autrice / autore

Monica Dickens

Nata a Londra nel 1915 nella celebre e facoltosa famiglia Dickens, pronipote del grande scrittore, delusa dal mondo in cui era cresciuta, decise di lasciare i privilegi della sua condizione per lavorare come domestica. Sulla base della sua esperienza diretta scrisse nel 1939 Su e giù per le scale, a cui seguì One Pair of Feet, dove raccontò il suo lavoro in ospedale, e l’autobiografia An Open Book. Trasferitasi negli Stati Uniti, visse tra Washington e il Massachusetts, sposò un ufficiale della Marina, continuò a scrivere e si dedicò a numerose cause umanitarie. Morì a Reading nel 1992.