Incontri ed eventi

Restate sempre aggiornati sugli appuntamenti in libreria!


Mag
21
mar
Virginia Woolf, Le tre ghinee
Mag 21@17:00–18:00
Virginia Woolf, Le tre ghinee

Martedì 21 maggio dalle 17:00 alle 18:00

Thè letterario 2019

I grandi capolavori delle donne

Virginia Woolf

Le tre ghinee

In questo incontro discuteremo di Le tre ghinee di Virginia Woolf.

Le tre ghinee (Three Guineas) è un saggio scritto da Virginia Woolf e pubblicato nel giugno 1938, alla vigilia della seconda guerra mondiale. Il libro è un pamphlet contro la guerra e il suo nucleo centrale è rappresentato dalla denuncia dello stretto legame esistente fra sistema patriarcale, militarismo e regimi totalitari, tra il potere esercitato nella sfera pubblica e nella sfera privata. Woolf lo esamina a partire dal suo status sociale di “figlia degli uomini colti”, e dalla sua condizione di outsider, ossia di esclusa da ogni forma di potere e di processo decisionale in quanto appartenente al genere femminile. Questa situazione di marginalizzazione e di inferiorità sociale, viene riletta da Woolf come vantaggio che le donne possono utilizzare per prevenire la guerra e per rifondare un nuovo modello di azione politica.

Le tre ghinee è ritenuto uno dei testi di origine del pensiero della differenza sessuale e uno dei contributi più significativi del femminismo pacifista

Nell’aprile del 1938, alla fine di questo lavoro, Virginia Woolf scrisse nel suo diario: “Hitler dunque sta accarezzando i suoi spinosi baffetti. L’intero mondo trema: e il mio libro sarà forse come una farfalla sopra un falò consumato in meno di un secondo”.

L’incontro è a cura di Ilaria Durigon, libraia di Lìbrati.

Ingresso 5 euro (con tessera Virginia Woolf 2019, costo 20,00).

Mag
24
ven
Omaggio a Melita Richter
Mag 24@18:00–19:30
Omaggio a Melita Richter

Venerdì 24 maggio 2019

ore 18.00

Caffè letterario multiculturale

Lìbrati e Donne in nero Padova

Omaggio a

Melita Richter

Intervengono

Cristina Zavloschi

Gabriella Musetti

Lìbrati, insieme alle Donne in nero di Padova e al Caffè letterario multiculturale, organizzano un evento in omaggio ad una cara amica, scomparsa troppo presto, che ha contribuito con il suo pensiero, le sue azioni e la sua generosità a rendere questo mondo un posto migliore: Melita Richter.

Nata a Zagabria nel 1947, docente di Letteratura serba e croata moderna e contemporanea all’Università di Trieste, Melita è stata anche saggista e poeta. Ha collaborato a riviste specializzate in patria e all’estero ed è stata una delle interpreti più costruttive del cosiddetto dispatrio, sviluppando un pensiero originale sui temi dell’interculturalità e dell’integrazione europea e sulle questioni balcaniche. Saggista, mediatrice culturale, ha promosso le antologie dei testi di autori migranti, è stata socia della Società italiana delle letterate e ha pubblicato numerosi libri di poesia. È stata una delle fondatrici della Casa internazionale delle donne di Trieste. Ha fatto parte della SIL – Società italiana delle letterate e della Compagnia delle poete (www.compagniadellepoete.com). Tra le numerose pubblicazioni come curatrice e autrice si ricordano l’antologia Libri migranti (Cosmo Iannone, 2015 ) e la raccolta poetica Alcune ragioni minime (Kolibris, 2018).

Durante l’incontro interverranno due amiche di Melita, Cristina Zavloschi, scrittrice e poeta, e Gabriella Musetti, scrittrice e studiosa di Trieste, socia della Società Italiana delle Letterate e fondatrice, insieme ad altre, della casa editrice Vita Activa.

Mag
28
mar
Trasformare gli spazi in luoghi: laboratorio di welfare urbano
Mag 28@10:00–19:00
Trasformare gli spazi in luoghi: laboratorio di welfare urbano

Martedì 28 maggio dalle ore 10.00 alle 19.00

LABORATORIO DI WELFARE URBANO:

Trasformare gli spazi in luoghi

Come le infrastrutture sociali possono cambiare il mondo

 

 

 

 

 

Martedì 28 maggio dalle ore 10.00 alle 19.00 si svolgerà la seconda edizione del workshop “Welfare Urbano”, intervento che si inserisce all’interno del progetto “Sun City: Social Urban Neighborhoods in the City” (Cod. 15-1-1267-2017) promosso da Cescot Veneto in collaborazione con Innova Srl e Libreria delle Donne di Padova.

L’iniziativa intende stimolare i partecipanti ad interrogarsi ed esplorare i possibili scenari per lo sviluppo di nuovi modelli collaborativi in grado di coinvolgere Cittadini, Imprese, Pubblica Amministrazione e Terzo Settore.

È proprio tramite queste connessioni che si apre la possibilità di paradigmi nuovi all’interno dei quali trasformare in risorsa la diversità di interessi. L’attività lavorativa e il tempo libero sono i più grandi bacini di connessioni e relazioni funzionali all’interno di una comunità urbana. In essi si intrecciano economia, qualità della vita di persone e famiglie, domanda di mobilità, consumi, relazioni sociali, formazione, cultura, etc etc.

Ricercare, attraverso nuove organizzazioni del lavoro e una nuova offerta di servizi, la conciliazione degli interessi di aziende, dipendenti e collettività è un approccio che mette in funzione innumerevoli “connessioni” permettendo di generare valore condiviso.

LUOGO: Lìbrati. La Libreria della Donne di Padova (Via S. Gregorio Barbarigo 91, Padova)

DATA: Martedì 28 Maggio dalle 10.00 alle 19.00

PROGRAMMA:

Dalle 10.00 alle 10.30 – FABIO STRELIOTTO Innova Srl, “Welfare 4.0: governance condivisa, strumenti co-progettati, tecnologie abilitanti, professionalità e luoghi ibridi”.

Dalle 10.30 alle 11.15 – FABIO STRELIOTTO Innova Srl dialoga con PAOLO VENTURI, Direttore di Aiccon e coautore del libro “DOVE. La dimensione di luogo che ricompone impresa e società” Ed. EGEA

Dalle 11.15 alle 12.30 Presentazione di esperienze del contesto italiano che hanno attivato processi di trasformazione e innovazione sociale centrati sulla dimensione di luogo. Interverranno:

– FEDERICA MANNA, Project Coordinator ETICity e co-fondatore Collettivo Pictor

– ARIANNA PLEBANI, Community Manager progetto ”Valoriamo” (LC)

– FRANCESCA LAUDISI, Co-fondatrice Portineria14 (MI)

– MASSIMO GELAIN, Presidente Cooperativa IMPRONTE (WelfarePoint Cittadella- WelfareNet)

Dalle 12.30 alle 13.00 Question time

Pranzo a buffet

Dalle 14.00 alle 19.00 – Laboratorio di WelfareUrbano per riflettere attivamente su come vari interessi, bisogni e risorse possano essere messe in relazione. A cura di STEFANO CEDRONE WelfareLab

Aperitivo finale

Evento gratuito su prenotazione, con posti limitati a 25 persone.

Per informazioni:

Innova Srl

Tel. 049 213 6063 (Referenti Chiara e Elisa)

E-mail chiara@welfarelab.org

elisa@welfarelab.org

per info e iscrizioni: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-laboratorio-di-welfare-urbano-ri-progettare-i-luoghi-di-lavoro-e-tempo-libero-61627404225

o mandare una mail a: libreriadelledonnepadova@gmail.com

Mag
29
mer
Trans-migrazioni. Lavoro, sfruttamento e violenza di genere nei mercati globali del sesso.
Mag 29@18:30–20:00
Trans-migrazioni. Lavoro, sfruttamento e violenza di genere nei mercati globali del sesso.

Mercoledì 29 maggio 2019

ore 18.30

Presentazione di

Trans-migrazioni.

Lavoro, sfruttamento e violenza di genere nei mercati globali del sesso

di

Emanuela Abbatecola

sarà presente l’autrice

Introducono

Luca Trappolin

Margherita Stocco

Negli ultimi anni, i discorsi intorno allo sfruttamento delle donne migranti nei mercati del sesso sembrano essersi cristallizzati nella contrapposizione tra le retoriche antitrafficking, da un lato, e quelle prosex work, dall’altro. Questo scontro non permette di cogliere la porosità dei confini tra coercizione e autodeterminazione che molto spesso convivono nello sfruttamento, così come le combinazioni e le geometrie non sempre lineari tra libertà di esercitare e libertà di scegliere, nelle quali le diseguaglianze sociali giocano un ruolo di rilievo disegnando traiettorie e opportunità. Ma l’aspetto forse più critico è che concentrarsi sulla contrapposizione tra chi ritiene che le migranti sfruttate dalle reti criminali siano solo vittime e chi invece sottolinea la loro agency, rischia di distrarre dalle contraddizioni del sistema. In quale tipo di mercato queste migranti esperiscono la loro attività? Come sì configura la loro vita lavorativa? Quali sono le ricadute sulla “salute? A quali forme di violenze sono sottoposte? E, infine, lo sfruttamento delle migranti nei mercati del sesso – riduttivamente indicato solo come violazione dei diritti umani – non è forse una delle modalità nella quale si esprime quella stessa violenza di genere che attraversa, almeno in potenza, le biografie di tutte le donne? In questo saggio, l’autrice cerca di rispondere a questi e ad altri interrogativi. L’analisi di un corposo materiale di ricerca sullo sfruttamento delle donne migranti (cisgender e trans) in quattro mercati del sesso occidentali, diventa così un’occasione per superare le contrapposizioni e per riflettere su alcune grammatiche di genere che attraversano le nostre società.

Emanuela Abbatecola, docente di Sociologia del Lavoro, Fondamenti e Organizzazione del Servizio Sociale e Introduzione agli studi di genere presso l’Università di Genova. Collabora con il Centro Studi Medì e la rivista Mondi migranti, e dirige AG AboutGender, rivista internazionale di studi di genere da lei cofondata. Sul tema dello sfruttamento delle migranti nei mercati del sesso ha scritto tra l’altro Donne al margine (2005) e L’altra donna (2006). Per Rosenberg & Sellier ha di recente pubblicato, con Luisa Stagi, Pink is the new black. Stereotipi di genere nella scuola dell’infanzia (2017).

Margherita Stocco, laureata in Scienze sociologiche all’Università degli Studi di Padova. E’ autrice di una ricerca sui clienti di prostitute in Italia.

Luca Trappolin è ricercatore in Sociologia nel Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia applicata (FISPPA) dell’Università degli Studi di Padova, dove è tra i membri fondatori del laboratorio di ricerca “Globalizzazione, Identità e Pluralismo culturale”. Insegna Sociologia dei processi culturali e Sociologia politica. E’ membro dell’editorial board della rivista internazionale About Gender. Tra i promotori italiani della sociologia dell’omosessualità, ha firmato e curato diverse pubblicazioni nazionali e internazionali sulle trasformazioni delle identità di genere e di orientamento sessuale, sulla costruzione sociale dei corpi e sulle lotte per il riconoscimento. Recentemente ha pubblicato con Angela Tiano il testo Diventare genitori, diventare famiglia. Madri lesbiche e padri gay in Italia tra innovazione e desiderio di normalità (Wolters Kluwer Italia, 2019), e con Paolo Gusmeroli Raccontare l’omofobia in Italia. Genesi e sviluppo di una parola chiave (Rosenberg & Sellier, 2019).

Mag
31
ven
Come si fanno le cose di Antonio G. Bortoluzzi
Mag 31@18:00–19:30
Come si fanno le cose di Antonio G. Bortoluzzi

Venerdì 31 maggio 2019

ore 18.00

presentazione di

Come si fanno le cose

di Antonio G. Bortoluzzi

(Marsilio editore)

Discute con l’autore

Barbara Buoso

 

Lungo il fiume piave, tra capannoni e ditte artigianali or-mai prive del vigore di un tempo, ha sede la filati dolomiti, fabbrica sfiancata, come molte, dalla crisi degli anni zero. È qui che lavorano valentino e massimo, due cinquantenni addetti alla manutenzione dei macchinari. Disilluso e nostalgico il primo, esuberante e roso da una rabbia latente il secondo, i due hanno visto passare su di sé e gli altri operai le macine della recessione, con la cassa integrazione, i tagli e la mobilità volontaria, fino a un incendio che per poco non li condannava allo stesso tragico epilogo patito dagli operai della thyssen. Quando una ditta orafa gestita da persone rampanti e senza scrupoli apre i battenti in quello che un tempo era un magazzino della filati dolomiti, massimo e valentino – conoscendo anfratti e segreti dell’azienda – decidono di preparare la rapina con cui procurarsi l’oro necessario per realizzare il loro sogno: abbandonare il logorio e le miserie della fabbrica e rilevare un agriturismo sui monti, per iniziare una vita nuova, più giusta. La meticolosa messa a punto del piano procede spedita e senza intoppi, finché un giorno, sulla corriera che lo porta al lavoro, valentino incontra yu, una ragazza cinese di ventisei anni che odora di fritto e trascrive su un taccuino le parole italiane che ancora non conosce. Risvegliato dal calore di un amore che credeva sopito per sempre, l’uomo dovrà rimettere in discussione la sua vita e le sue scelte: quando una cosa è sul punto di esplodere, però, è difficile riuscire a fermarla, o anche solo farle cambiare direzione.

ANTONIO G. BORTOLUZZI è nato in Valturcana (Alpago, Belluno) nel 1965. Ha pubblicato nel 2015 il romanzo Paesi alti (Ed. Biblioteca dell’Immagine) con cui ha vinto all’unanimità la 35a edizione del Premio Gambrinus – Giuseppe Mazzotti 2017 nella sezione Montagna: cultura e civiltà; con lo stesso romanzo è stato finalista al Premio letterario del CAI Leggimontagna nel 2015 e al Premio della Montagna Cortina d’Ampezzo 2016. Nel 2013 ha pubblicato il romanzo Vita e morte della montagna con cui ha vinto il Premio Dolomiti Awards 2016-17 Miglior libro sulla montagna del Belluno Film Festival. Il suo esordio risale al 2010 con il romanzo per racconti Cronache dalla valle (Ed. Biblioteca dell’Immagine). Finalista e quindi segnalato dalla giuria del Premio Italo Calvino nelle edizioni 2008 e 2010 è membro accademico del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna).

BARBARA BUOSO nata a Rovigo nel 1972, vive e lavora a Padova. Nel 1994 vince il premio promosso dal Parlamento Europeo sul tema I diritti, giusti, della famiglia; nel 1998 vince il premio Padus Amoenus, Città di Sissa, con il racconto Bulimia d’amore. Ha esordito col romanzo nel 2003 con Aspettami (Fabio Croce Editore); nel 2014 ha pubblicato su segnalazione di Emma Dante L’ordine innaturale degli elementi (Baldini & Castoldi). Nel 2016 ha vinto il concorso “Lìbrati e vola” indetto da Lìbrati, libreria delle donne di Padova con il racconto “Nevicata” pubblicato nel volume collettaneo Soffia un vento contrario (L’Iguana). Nel febbraio 2018 ha pubblicato il romanzo E venni al mondo con Apogeo editore. Insegna alla Scuola di scrittura Virginia Woolf.

Giu
6
gio
Strategie di vita libera – pratiche di giustizia femminsta
Giu 6@18:30–19:30
Strategie di vita libera - pratiche di giustizia femminsta

Giovedì 6 giugno 2019

ore 18.30

Strategie di vita libera

Pratiche di giustizia femminista

 

 

Ultimo appuntmamento del gruppo femminista di Lìbrati prima della pausa estiva.

Durante l’ultimo incontro si è riflettutto su come la “famiglia” sia il primo e principale luogo in cui la libertà delle donne viene impedita, la famiglia sia “di nascita”, sia “di scelta” di vita, quella di origine e quella che scegliamo con il nostro/la nostra partner.

La famiglia può essere luogo di libertà per la donna? Forse no. Occorre per le donne, dentro le famiglie, mettere in campo strategie di vita libera che non vi sono incluse, anzi estranee.

Abbiamo riflettuto sul potere che i sentimenti hanno di tenerci legate a situazioni difficili, perché tutte abbiamo bisogno di relazioni di affetto e di cura. Quanto forte è il desiderio di essere amate? Forse più forte di quello di essere libere.

Quando si parla di violenza quello che non può il desiderio innato di libertà possono i sentimenti, occorre quindi metterli in campo – i sentimenti di amore e di amicizia e la loro straordinaria forza politica – non bastano cioè le “competenze”,  l’ascolto non basta, e neppure le parole se non sono “sentite”.

Giu
7
ven
Presentazione di “Gente per bene”
Giu 7@18:30–19:30
Presentazione di "Gente per bene"

Venerdì 7 giugno 2019 alle 18:30

Presentazione di

Gente per bene

di Zoe Whittall

Intervengono

Roberta Scagliarini (Elleboro edizioni)

Alessandra Riccardi (traduttrice del volume)

Introducono

Antonella Cunico

Paola Lugo

Con raffinata precisione nel descrivere i sentimenti umani, la pluri-premiata autrice Zoe Whittall esplora il tema della lealtà, della verità, e il significato di felicità attraverso la lente di una tipica famiglia americana sull’orlo del collasso.
Stacey May Fowles, autrice di Infidelity

George Woodbury, insegnante aperto, marito e padre amato, viene arrestato per molestie sessuali in una prestigiosa scuola superiore privata. Sua moglie, Joan, oscilla tra il rifiuto della realtà e la rabbia, mentre la comunità in cui vive le si rivolta contro. La figlia, Sadie, studentessa di scuola superiore, popolare e di eccezionale bravura, diventa una pariah sociale. Il figlio, Andrew, collabora alla difesa del padre, mentre lotta con i dolorosi ricordi della sua adolescenza. Uno scrittore locale tenta di sfruttare la loro storia, mentre un’improbabile attivista dei diritti degli uomini tenta di arruolare Sadie nella loro causa. Mentre George è in prigione, come fanno i membri della sua famiglia a raccogliere i pezzi delle loro vite andate in frantumi e a continuare ad andare avanti? Come fanno a difendere la persona che amano mentre lottano contro l’idea che possa essere colpevole?

Che succede se la persona di cui ti fidavi di più viene accusata di reati impensabili?

George Woodbury, professore rispettato,marito e padre amato, viene arrestato per molestie sessuali in una prestigiosa scuola media americana. La comunità che lo riveriva si divide, George diventa un paria e il suo perfetto mondo famigliare va in frantumi.

Ma è tutto vero?

Intervengono Roberta Scagliarini (Elleboro edizioni) e Alessandra Riccardi (traduttrice del romanzo). Introducono Antonella Cunico e Paola Lugo. Non sarà presente l’autrice.

Ingresso libero

Giu
14
ven
Serata tarocchi: I tarocchi di raccontano
Giu 14@18:00–19:30
Serata tarocchi: I tarocchi di raccontano

Venerdì 14 giugno alle 18:00

Serata Tarocchi

I tarocchi ti raccontano

di MariaGiovanna Luini

Sarà presente l’autrice

Lìbrati vi aspetta per incontrare MariaGiovanna Luini e il suo nuovo libro I tarocchi ti raccontano. Uno strumento sorprendente per illuminare la propria interiorità e imboccare la via della cura (tre60). I Tarocchi sono figure colorate, giochi leggeri, e scavano nell’inconscio. Che un medico si occupi di inconscio non dovrebbe stupire: non siamo meccanici che riparano (quando possibile) il corpo fisico, siamo o dovremmo essere co-guaritori del meraviglioso insieme “mente-corpo-spirito”. Co-guaritori perché il principale guaritore di se stesso è il paziente, e il medico un compagno attento e amorevole sulla via della Cura. I Tarocchi non sono medicine per il corpo fisico, non hanno finalità terapeutica e non è questo il senso del libro: ci trasportano nell’illusione creativa del gioco, spingono a proiettarci su una sequenza visiva senza il filtro delle parole e della razionalità. All’inconscio non servono ragionamenti e grandi discorsi: è una porta chiusa che si spalanca grazie a stimoli speciali. Ognuno potrà giudicare se e quanto una mano di carte possa smuovere energie che, alla fine, si riveleranno salutari. Nel mio studio medico non uso i Tarocchi, ma negli spazi e tempi senza il camice non considero scorretto giocare con chiunque abbia voglia di indagare l’indicibile. Osservando da spettatrice le meraviglie del risveglio dell’inconscio.

Sarà presente l’autrice.

MariaGiovanna Luini è scrittrice e medico. Senologa libero professionista con due specializzazioni e un master in senologia chirurgica all’Istituto europeo di oncologia (IEO). Al Centro Metis di Milano promuove l’integrazione tra la medicina convenzionale di eccellenza e alcune tecniche che la scienza sta studiando: Reiki ed Energie, meditazione e percorsi di autoconsapevolezza. Per sedici anni è stata l’assistente medico di Umberto Veronesi nella direzione scientifica di IEO. Ha pubblicato romanzi (il più recente La luce che brilla sui tetti) e saggi (molti dei quali insieme a Veronesi) tra cui Il grande lucernario. La lezione di Umberto Veronesi e la nuova via della cura (Mondadori, 2018), ha collaborato a sceneggiature cinematografiche e prestato consulenza per Allacciate le cinture di Ferzan Ozpetek.

Ingresso libero

 

 

Giu
15
sab
Crowdfunding: workshop
Giu 15@15:00–19:00
Crowdfunding: workshop

Sabato 15 giugno 2019

dalle 15:00 alle 19:00

Crowdfunding

Come utilizzarlo al meglio

Workshop

 

Il crowdfunding o raccolta collaborativa di fondi è un metodo innovativo e originale per raccogliere fondi usando la rete. Tu o la tua associazione avete un progetto in mente ma non avete i fondi per realizzarlo? Il crowdfunding può rivelarsi un metodo adatto per far conoscere te e il tuo progetto e per raccogliere contributi, economici e non. Per finanziare un progetto personale o quello di un’associazione, registrare un cd, girare un documentario, organizzare una mostra o uno spettacolo teatrale, rendere possibile un progetto fotografico, qualsiasi sia il tuo progetto, è possibile creare una campagna adatta a te!

Il workshop è pensato per comprendere il funzionamento del crowdfunding e imparare ad utilizzarlo.

Programma:

  • Introduzione alle diverse piattaforme online
  • istruzioni di utilizzo
  • come creare una campagna efficace
  • suggerimenti personalizzati per la creazione della propria campagna

Il corso, di 4 ore, ha un costo di 40,00 euro.

I posti sono limitati, per iscriversi è sufficiente mandare una mail a libreriadelledonnepadova@gmail.com con oggetto “Crowdfunding”, entro il 9 giugno 2019.

Il corso è condotto da Laura Capuzzo, libraia di Lìbrati. L’apertura di Lìbrati è stata possibile proprio grazie ad una campagna di corwdfunding che ha raccolto più di 9,000 euro.

Giu
18
mar
Le sorelle Brontë. Poesia vita letteratura
Giu 18@17:00–18:00
Le sorelle Brontë. Poesia vita letteratura

Thè letterario 2019

Martedì 18 giugno 2019

Dalle 17:00 alle 18:00

Le sorelle Brontë

Poesia vita letteratura

 

Un ultimo incontro speciale del Thè letterario 2019, dedicato a tutte le amiche che hanno partecipato in questo lungo percorso attraverso i grandi capolavori della letteratura delle donne. Derogando alla regola che prevede l’analisi di un solo romanzo, in questo incontro esamineremo la vita e l’opera di Charlotte, Emily e Anne Brontë, riferendoci ai loro romanzi e alla loro opera poetica. Un percorso tematico che ha l’intenzione di rilevare differenze ed somiglianze all’interno della produzione di queste tre meravigliose scrittrici e che muoverà dalla lettura di componimenti poetici e di brani dei loro romanzi.

Anne, Charlotte ed Emily Brontë hanno vissuto ad Haworth, un piccolo villaggio nello Yorkshire, dove il padre svolgeva le funzioni di curato. Le tre sorelle nel 1846 pubblicarono a loro spese Poems, un volume di poesie. Nel 1847 uscirono i loro romanzi: Anne pubblicò Agnes Grey, Emily Cime tempestose e Charlotte uscì con Jane Eyre dopo che il suo primo romanzo Il professore venne rifiutato da diversi editori. Ogni autrice pubblicò con uno pseudonimo maschile, così Anne, Emily e Charlotte divennero note ai lettori inglesi come Acton, Ellis e Currer Bell. Tutti e tre i romanzi riscossero un notevole successo di critica e di pubblico. Emily morì di tubercolosi il 19 dicembre 1848, seguita a sei mesi di distanza da Anne, il 28 maggio 1849. L’unica superstite, Charlotte, riuscì ad pubblicare altri tre romanzi Il professore, Villette e Shirley e a curare la seconda edizione delle opere delle due sorelle, delle quali contribuì a stendere una breve biografia. Charlotte Brontë morì a trentanove anni, il 31 marzo 1855 poco dopo le nozze con il coadiutore della parrocchia paterna, probabilmente per le complicazioni dovute ad una gravidanza.

Incontro a cura di Laura Capuzzo, libraia di Lìbrati.

Ingresso 5 euro (con tessera Virginia Woolf, 10 euro, valida da giugno a dicembre)

 

Giu
22
sab
Poesia. Laboratorio di scrittura poetica condotto da Laura Liberale
Giu 22@10:00–18:00
Poesia. Laboratorio di scrittura poetica condotto da Laura Liberale

Sabato 22 giugno 2019

Dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00

POESIA

Laboratorio di scrittura poetica

condotto da Laura Liberale

Anna Achmatova, Anne Sexton, Adrienne Rich, Anite Koltz, Emily Dickinson, Sylvia Plath, Wislawa Szymborska, Alejandra Pizarnik, Marina Cvetaeva, Amelia Rosselli, Antonella Anedda, Chandra Livia Candiani, Maria Grazia Calandrone, Fernanda Romagnoli, Antonia Pozzi, Vivian Lamarque, Franca Mancinelli, Mariangela Gualtieri, Nadia Campana, Caterina Saviane, Giovanna Rosadini, Paola Malavasi.

Poesia e donne. Vita e versi, vita in versi e versi oltre la vita.  Sono queste le voci e le presenze maestre che ci accompagneranno in un viaggio di ascolto, apprendimento ed esperienza della scrittura poetica. La quotidianità, la diversità, la malattia, la lotta, la spiritualità, l’eccesso, l’impegno: questi, fra gli altri, i grandi temi. E naturalmente lo stile, l’unicità, la ricerca, l’aspirazione e l’ispirazione.

Il corso, della durata di 7 ore, è a numero chiuso ed è necessario iscriversi entro il 15 giugno 2019 inviando una mail a libreriadelledonnepadova@gmail.com con oggetto “Iscrizione POESIA” indicando nella mail il proprio numero di telefono.

Costo: 70,00 euro (più 10 euro di tessera dell’Associazione Virginia Woolf per i non soci).

Laura Liberale ha pubblicato, oltre ad alcuni saggi indologici, i romanzi Tanatoparty (Meridiano Zero, 2009), Madreferro (Perdisa Pop, 2012); Planctus (Meridiano Zero, 2014); le raccolte poetiche Sari – poesie per la figlia (d’If, 2009), Ballabile terreo (d’If, 2011) e La disponibilità della nostra carne (Oèdipus, 2017, premio Lorenzo Montano 2017). È inoltre tra le autrici di Nuovi poeti italiani 6 (Einaudi, 2012). Da parecchi anni tiene corsi e seminari di scrittura creativa e di cultura e filosofia dell’India.

Giu
23
dom
Dar corpo alle parole – training intensivo di lettura ad alta voce
Giu 23@9:00–14:00
Dar corpo alle parole - training intensivo di lettura ad alta voce

Domenica 23 giugno 2019

dalle 9.00 alle 14.00

DAR CORPO ALLE PAROLE

training intensivo di lettura ad alta voce

con Carla Stella

Lìbrati, in collaborazione con l’associazione Virginia Woolf, organizza  un training intensivo di lettura ad alta voce, espressiva ed interpretativa.

Lo scopo è migliorare nella propria capacità di rendere vivo un testo in modo che sia davvero comprensibile a chi ascolta, saper creare emozioni, immagini, riflessioni. Il lettore ad alta voce deve essere non solo curioso, ma sensibile alle suggestioni fornite dai testi, lasciare riaffiorare i ricordi e le sensazioni per entrare in empatia con le parole dette.

Obiettivi:

Far emergere le potenzialità creative ed espressive della propria voce;

Scoprire il piacere di una lettura ad alta voce;

Offrire nuovi percorsi creativi alla circolazione della parola;

Condividere pensieri, sentimenti ed emozioni in modo profondo e dinamico;

Attivare uno strumento di conoscenza più specifica dell’uso dei propri mezzi espressivi.

Contenuti:

Analisi dell’autore e dell’opera;

Esercizi di lettura espressiva;

A chi è rivolto:

A studenti, docenti, liberi-professionisti e a tutti coloro che desiderano entrare nel vivo di ogni processo comunicativo con competenza e padronanza di tutti i mezzi espressivi, nonché di tutte le chiavi di lettura inerenti una possibile grammatica interpretativa ed espressiva per un uso sempre più consapevole delle proprie potenzialità comunicative.

Costo 50,00 euro. Per iscriversi è sufficiente inviare una mail a libreriadelledonnepadova@gmail.com con indicato nell’oggetto “Conferma partecipazione corso Carla Stella”

Carla Stella, attrice professionista, si diploma nel 1987 all’Accademia Regionale Veneta diretta da Arnoldo Foà. In campo cinematografico è stata diretta da registi come Gabriele Salvatores, Marco Bellocchio, Marco Pontecorvo, Enrico Lando, Emilio Briguglio e altri. In televisione ha partecipato a Fiction e programmi su MTV, SKY, RAI1 e RAI 2, CANALE 5. E’ stata protagonista in Spot pubblicitari per campagne nazionali ed internazionali. Dal 2016 lavora come docente all’ Accademia del doppiaggio diretta da Christian Iansante e Roberto Pedicini. Nel 2001 ha vinto il Premio come miglior attrice al Forum Internazionale di Vilnius.

Giu
27
gio
Serata con l’astrologa Carla Pretto
Giu 27@18:30–20:00
Serata con l'astrologa Carla Pretto

Giovedì 27 giugno ore 18:30

Serata con l’astrologa

Carla Pretto

La conoscenza di sè attraverso gli astri e i segni zodiacali

 

 La conoscenza delle stelle e dei segni zodiacali, materia dell’astrologia, è un viaggio alla ricerca di sé, che inizia dalla nascita e percorre tutte le varie fasi della vita, che ci insegna a conoscere e ad accettare noi stessi perchè è proprio dalla presa di coscienza dei nostri limiti e dei nostri punti di forza, che riusciamo a perseguire la serenità e la realizzazione.

Di questo e di molto altro parleremo con Carla Pretto che introdurrà allo studio dell’astrologia e dei tratti psicologici delle varie personalità zodiacali attraverso i suoi libri e attraverso un confronto con il pubblico presente.

Carla Pretto, astrologa di lunga data tengo conferenze a livello nazionale e internazionale, mini-stage e seminari. Insegno Astrologia e presiedo un gruppo di ricerca. Nel dicembre 2003 a Valencia sono stata premiata con la Menciòn de Honor al concorso Gracentro, Premios Mundiales de Investigacion astrologica con il libro: Astrologia Investigativa. Autrice di Luna-Saturno: la dualità dell’essere, I Prematuri: studio in chiave astrologica (italiano-inglese), Astrologia Investigativa (italiano-spagnolo), Le Simbologie dei Transiti Astrologici – un aiuto per leggere il futuro, Vademecum dell’Astrologia Individuale, Astrologia e Omosessualità scritto insieme a Mirko Negri, La conoscenza di sé: interpretando gli astri, il Sole e la Luna.

Ingresso libero

Lug
20
sab
Il racconto autobiografico – corso estivo di scrittura
Lug 20@10:00–Lug 28@17:00
Il racconto autobiografico - corso estivo di scrittura

sabato 20 e domenica 21 luglio 2019, sabato 27 e domenica 28 luglio 2019
dalle 10 alle 13, dalle 14 alle 17

Il racconto autobiografico

corso estivo di scrittura

tenuto da

Barbara Buoso

 

Il corso estivo di scrittura organizzato da Lìbrati con la collaborazione della Scuola Virginia Woolf è pensato per quante e quanti, amanti della scrittura, vogliano dare concretezza e solidità alla propria passione imparando alcune nozioni fondamentali e di base che permettano di muoversi  nella scrittura con maggiore agilità, acquisendo gli strumenti necessari per costruire un racconto breve e le tecniche su come si lavora con la memoria per renderla parola scritta.

PROGRAMMA:

parte teorica: gli strumenti teorici di base per la costruzione di un racconto, dall’idea alla scaletta (struttura, trama, dinamica della storia, scaletta), i metodi della scrittura autobiografica (indagine sulla memoria, gli strumenti per ricordare);

parte pratica: scrivere il proprio racconto autobiografico.

COSTI: il corso costa 240,00 euro (più 5 euro della tessera dell’Associazione Virginia Woolf per i non soci)

MODALITA’ DI ISCRIZIONE: per iscriversi inviare una mail a libreriadelledonnepadova@gmail.com con oggetto “Conferma iscrizione corso Il racconto autobiografico”.

BARBARA BUOSO nata a Rovigo nel 1972, vive e lavora a Padova. Nel 2003 pubblica il suo romanzo d’esordio Aspettami con Croce Editore. Nel 2014, su segnalazione di Emma Dante, pubblica L’ordine innaturale degli elementi (Baldini & Castoldi). Vincitrice con il racconto “Nevicata” del concorso di racconti “Lìbrati e vola” (pubblicato poi nel 2016 nella raccolta “Soffia un vento contrario”, L’Iguana Editrice). E’ uscito a febbraio 2018 il suo ultimo romanzo “E venni al mondo” (Apogeo editore). Insegna scrittura creativa alla Scuola di scrittura Virginia Woolf.