Incontri ed eventi

Restate sempre aggiornati sugli appuntamenti in libreria!


Gen
19
dom
Dar corpo alle parole. Training intensivo ad alta voce
Gen 19@10:00–14:00
Dar corpo alle parole. Training intensivo ad alta voce

Domenica 19 gennaio 2020 dalle 10:00 alle 14:00

Dar corpo alle parole

Training intensivo di lettura ad alta voce

con da Carla Stella

Lìbrati, in collaborazione con l’associazione Virginia Woolf, organizza  un training intensivo di lettura ad alta voce, espressiva ed interpretativa.

Lo scopo è migliorare nella propria capacità di rendere vivo un testo in modo che sia davvero comprensibile a chi ascolta, saper creare emozioni, immagini, riflessioni. Il lettore ad alta voce deve essere non solo curioso, ma sensibile alle suggestioni fornite dai testi, lasciare riaffiorare i ricordi e le sensazioni per entrare in empatia con le parole dette.

Obiettivi:

  • Far emergere le potenzialità creative ed espressive della propria voce;
  • Scoprire il piacere di una lettura ad alta voce;
  • Offrire nuovi percorsi creativi alla circolazione della parola;
  • Condividere pensieri, sentimenti ed emozioni in modo profondo e dinamico;
  • Attivare uno strumento di conoscenza più specifica dell’uso dei propri mezzi espressivi.

Contenuti:

  • Analisi dell’autore e dell’opera;
  • Esercizi di lettura espressiva;

A chi è rivolto:

A studenti, docenti, liberi-professionisti e a tutti coloro che desiderano entrare nel vivo di ogni processo comunicativo con competenza e padronanza di tutti i mezzi espressivi, nonché di tutte le chiavi di lettura inerenti una possibile grammatica interpretativa ed espressiva per un uso sempre più consapevole delle proprie potenzialità comunicative.

Costo 50,00 euro (con tessera Virginia Woolf valida per tutto il 2020, costo 20,00 euro). Per iscriversi è sufficiente inviare una mail a libreriadelledonnepadova@gmail.com con indicato nell’oggetto “Conferma partecipazione corso Carla Stella”

Carla Stella, attrice professionista, si diploma nel 1987 all’Accademia Regionale Veneta diretta da Arnoldo Foà. In campo cinematografico è stata diretta da registi come Gabriele Salvatores, Marco Bellocchio, Marco Pontecorvo, Enrico Lando, Emilio Briguglio e altri. In televisione ha partecipato a Fiction e programmi su MTV, SKY, RAI1 e RAI 2, CANALE 5. E’ stata protagonista in Spot pubblicitari per campagne nazionali ed internazionali. Dal 2016 lavora come docente all’ Accademia del doppiaggio diretta da Christian Iansante e Roberto Pedicini. Nel 2001 ha vinto il Premio come miglior attrice al Forum Internazionale di Vilnius.

Gen
23
gio
Colette, incontro del gruppo di lettura
Gen 23@20:30–21:30
Colette, incontro del gruppo di lettura

Giovedì 23 gennaio 2020

ore 20.30

Colette

gruppo di lettura di Lìbrati

discuterà di

“Il cuore non si vede” di Chiara Valerio

(in vista dell’incontro con l’autrice l’11 febbraio)

 

Primo incontro dell’anno per il gruppo di lettura di Lìbrati.

Discuteremo insieme del nuovo romanzo di Chiara Valerio, “Il cuore non si vede”.

Leggiamo dalla quarta: “Una mattina, dopo sogni inquieti, Andrea Dileva si sveglia senza cuore. Non è morto, certo, ma forse non è vivo. Semplicemente sta scomparendo sotto gli occhi severi e distratti delle (troppe?) donne che gli stanno intorno. Perché siamo fatti di legami oltre che di tendini, muscoli e ossa. Di allegrie immotivate, mancanze, ferite, amori imperfetti.

Andrea Dileva, quarantenne, studioso, curioso, professore di greco, si sveglia un giorno senza il cuore. Laura vive con lui, è abituata alle sue mancanze, ma questa proprio non se l’aspettava. Carla in teoria sarebbe la sua amante, ma a casa ha un cane, un bimbo, un marito, e poi con il corpo di Andrea ha sempre avuto un rapporto difficile, in fin dei conti le va bene anche cosí. Forse Simone avrebbe la fantasia per capire com’è che l’amico di mamma sta perdendo i pezzi, d’altronde è stato proprio lui a raccontargli storie di leviatani giganti e donne con la coda di pesce. Ma Simone ha otto anni e nessuno ha chiesto il suo parere. Andrea cerca dappertutto una storia che assomigli alla sua, senza trovarla: eppure era convinto che la mitologia fosse l’archetipo di ogni cosa. Certo, se l’umanità intera ha il terrore di morire, deve prendere atto che per lui è diventato impossibile. Come può smettere di battere un cuore che non c’è piú? Chiara Valerio racconta con una leggerezza rara le metamorfosi delle relazioni e la loro meccanica involontaria. Se la storia di un uomo che scompare scintilla di ironia e passione, questa è l’occasione della letteratura”.

L’autrice sarà ospite di Lìbrati martedì 11 febbraio.

Gen
24
ven
Poeta e donna. Laura Liberale e Anna Toscano in dialogo
Gen 24@18:00–19:30
Poeta e donna. Laura Liberale e Anna Toscano in dialogo

Venerdì 24 gennaio 2020

ore 18:00

Poeta e donna.

con

Laura Liberale

e

Anna Toscano

in dialogo e con letture

 

Ospiti a Lìbrati per questa serata speciale, le poete Laura Liberale e Anna Toscano in dialogo su cosa comporti alla poesia l’ essere donna e alla donna l’essere poeta. A partire dai loro ultimi libri di poesie “La disponiblità della nostra carne” (edizioni Oedipius) e “Al buffet con la morte” (La vita felice) e dalla raccolta curata da Anna Toscano “Chamami col mio nome. Antologia poetica di donne” rifletteremo su questo tema. Con letture e riflessioni e tanto amore per le donne e la poesia.

Laura Liberale  è laureata in Filosofia, e dottore di ricerca in Studi Indologici. Ha ottenuto riconoscimenti in svariati premi di poesia e narrativa. Suoi testi sono apparsi su riviste e antologie. Ha pubblicato, oltre ad alcuni saggi indologici, i romanzi Tanatoparty (Meridiano Zero, 2009), Madreferro (Perdisa Pop, 2012); Planctus (Meridiano Zero, 2015); le raccolte poetiche Sari – poesie per la figlia (Napoli, d’If, 2009) e Ballabileterreo (Ibid., 2011). È inoltre tra gli autori di Nuovi poeti italiani 6 (Torino, Einaudi, 2012). Tiene corsi e seminari di scrittura creativa e di Cultura e Filosofia dell’India. La sua ultima raccolta è La disponibilità della nostra carne (Oèdipus 2017).

Anna Toscano vive a Venezia, insegna presso l’Università Ca’ Foscari e collabora con altre Facoltà. Scrive per alcune testate, tra cui «Il Sole 24 Ore», ha curato iniziative culturali legate a letteratura e poesia. Ha curato l’antologia “Chiamami col mio nome. Antologia poetica di donne” (La vita felice, 2019). La sua ultima sua raccolta di poesie è Al buffet con la morte (Milano, La vita felice 2018), ha pubblicato poi Una telefonata di mattina, (Milano,  La Vita Felice, 2016), preceduta da Doso la polvere (2012), Only distance (2011), All’ora dei pasti (2007) e Controsole (2004); liriche, racconti e saggi sono rintracciabili in riviste e antologie. Sua la curatela di cataloghi e libri di poesie e la postfazione ad Ancestrale di Goliarda Sapienza. È stata editor per case editrici e ha lavorato con scuole di scrittura; per la testata on-line «La Rivista Intelligente» cura Venerdì in versi.

Gen
29
mer
Le violenze maschili contro le donne
Gen 29@18:00–19:30
Le violenze maschili contro le donne

Mercoledì 29 gennaio 2020

ore 18.00

Presentazione

Le violenze maschili contro le donne:

complessità del fenomeno ed effettività delle politiche contrasto

con

Franca Bimbi e Maria (Milli) Virgilio

Un incontro per esporre i temi trattati nell’ultimo volume della rivista “Studi sulla questione criminale ” edito da Carocci e dediato al tema “Le violenze contro le donne: complessità del fenomeno ed effettività delle politiche contrasto“.

In questo numero l’indice è il seguente:

Le violenze maschili contro le donne:
complessità del fenomeno ed effettività delle politiche di contrasto
di di Lucia Re, Enrica Rigo, Maria (Milli) Virgilio
Tra protezione e care. Ripensare le violenze maschili contro le donne
di Franca Bimbi
La experiencia urbana de las mujeres en la Ciudad de México: miedos, políticas y alternativas
di Paola Flores Miranda, Colectivo Crea Ciudad
Tratamiento penal de la violencia sexual de género
di María Acale Sánchez
La actuación de las instituciones del sistema de justicia brasileño  en la elaboración de acciones de combate a la violencia doméstica
di Ana Lucia Sabadell, Lívia de Meira Limadi Simone Santorso
Criminalizzazione delle scelte delle donne in materia di salute sessuale e riproduttiva: il caso dell’aborto come guerra contro le donne
di Ilaria Boiano
La violenza in sala parto. Osservazioni a margine di una questione controversa
di Camilla Cannone
Manifestazioni e considerazioni della violenza nei confronti delle donne alla luce della Convenzione di Istanbul
di Agostina Latino
Le violenze maschili contro le donne raccontate da Centri antiviolenza e Forze dell’ordine. Pratiche e linguaggi a confronto
di Maddalena Cannito
La cyber-violenza maschile contro le donne: una nuova sfida per il diritto penale
di Alessia Schiavon
La rappresentazione della violenza di genere nei media.  Frame, cause e soluzioni del problema nei programmi RAI
di Elisa Giomi
Cronologia di riferimenti normativi
di Maria (Milli) Virgilio
Il piano femminista contro la violenza di genere dalla performatività dei corpi alla presa di parola: il movimento femminista Non Una Di Meno in Italia
di Tatiana Montella, Sara Picchi, Serena Fiorletta

Franca Bimbi, politica italiana e docente di Sociologia e Politica sociale all’Università di Padova. È stata eletta deputato nel 2001 nelle liste della Margherita e nel 2006 nelle liste dell’Ulivo. Nella XV legislatura ha ricoperto l’incarico di Presidente della XIV Commissione, Unione Europea.

Maria (Milli) Virgilio, nata e risiede a Bologna, laureata in diritto penale. Avvocata libero-professionista si è  particolarmente dedicata alla difesa delle donne colpite da violenza e discriminazione, in generale, alla tutela dei diritti civili e politici di donne e uomini e al patrocinio di vittime di atti terroristici.  Ricercatrice confermata di diritto penale dell’Università di Bologna, docente presso la facoltà di giurisprudenza di Bologna, ha insegnato anche in vari Master e corsi specialistici bolognesi.

Gen
31
ven
“Quel che affidiamo al vento” di Laura Imai Messina
Gen 31@18:00–19:30
"Quel che affidiamo al vento" di Laura Imai Messina
Venerdì 31 gennaio 2020
ore 18.00
Presentazione di

Laura Imai Messina,

Quel che affidiamo al vento

(Piemme)
con l’autrice dialoga
Valentina Berengo
con degustazione di tè
curata da
Nicoletta Tul
(La finestra sul Té)
Venerdì 31 gennaio presentiamo a Lìbrati quello che è stato il caso editoriale italiano dell’ultima fiera di Francoforte, già venduto in 20 paesi, tra cui il Giappone, “Quel che affidiamo al vento” di Laura Imai Messina (edizioni Piemme).
Sul fianco scosceso di Kujira-yama, la Montagna della Balena, si spalanca un immenso giardino chiamato Bell Gardia. In mezzo è installata una cabina, al cui interno riposa un telefono non collegato, che trasporta le voci nel vento. Da tutto il Giappone vi convogliano ogni anno migliaia di persone che hanno perduto qualcuno, che alzano la cornetta per parlare con chi è nell’aldilà. Quando su quella zona si abbatte un uragano di immane violenza, da lontano accorre una donna, pronta a proteggere il giardino a costo della sua vita. Si chiama Yui, ha trent’anni, e una data separa quella che era da quella che è: 11 marzo 2011. Quel giorno lo tsunami spazzò via il paese in cui abitava, inghiottì la madre e la figlia, le sottrasse la gioia di essere al mondo. Venuta per caso a conoscenza di quel luogo surreale, Yui va a visitarlo e a Bell Gardia incontra Takeshi, un medico che vive a Tokyo e ha una bimba di quattro anni, muta dal giorno in cui è morta la madre. Per rimarginare la vita serve coraggio, fortuna e un luogo comune in cui dipanare il racconto prudente di sé. E ora che quel luogo prezioso rischia di essere portato via dall’uragano, Yui decide di affrontare il vento, quello che scuote la terra così come quello che solleva le voci di chi non c’è più. E poi? E poi Yui lo avrebbe presto scoperto. Che è un vero miracolo l’amore. Anche il secondo, anche quello che arriva per sbaglio. Perché quando nessuno si attende il miracolo, il miracolo avviene.

UNA STORIA SUL DOLORE E SULLA CAPACITÀ DI RICOMINCIARE AMBIENTATO IN UN LUOGO CHE ESISTE REALMENTE NEL NORD-EST DEL GIAPPONE: UN GIARDINO CHE OSPITA UNA CABINA TELEFONICA E UN TELEFONO SENZA FILI, COLLEGATO SOLO COL VENTO, DIVENUTO OGGETTO DI UN PELLEGRINAGGIO D’ANIME CHE LÌ TROVANO LA POSSIBILITÀ E IL CORAGGIO DI PARLARE CON CHI HANNO PERDUTO.

«LAURA IMAI MESSINA RIESCE A RACCONTARE IL DOLORE E LA RINASCITA CON SENSIBILITÀ E DOLCEZZA.» Michela Marzano

«UN ROMANZO AVVOLGENTE E MISTERIOSO, CHE SEMBRA DAVVERO FATTO DI VENTO: VOCI E STORIE ARRIVANO COME A FOLATE, PER DIRCI – IN UNA NATURA CHE SI ANIMA, MAESTOSA E TERRIBILE – CHE LA REALTÀ NON È SOLO QUELLA CHE SI VEDE.» Paolo Di Paolo

«L’INTERCAPEDINE CHE SEPARA IL MONDO DEI VIVI DA QUELLO DEI MORTI È SOTTILE, A VOLTE SOTTILISSIMA. E LAURA IMAI MESSINA PARE LO SAPPIA PERFETTAMENTE.» Romana Petri

Laura Imai Messina, è nata a Roma. A 23 anni si è trasferita a Tokyo dove ha conseguito un PhD presso la Tokyo University of Foreign Studies. Insegna in alcune delle più prestigiose università della capitale. Ha esordito con successo nel 2014 con Tokyo orizzontale (Piemme). Nel 2018, sempre per Piemme, è uscito Non oso dire la gioia e per Vallardi il bestseller Wa, La via giapponese all’armonia. Il suo stile raffinato e lo sguardo privilegiato sul Sol Levante, ne fanno una voce inconfondibile del panorama letterario italiano.
Valentina Berengo, veneziana, è ingegnere e dottore di ricerca in Ingegneria geotecnica. Redattrice alla Padova University Press, scrive di narrativa per diverse testate, è cofondatrice del progetto editoriale Personal Book Shopper – dimmi chi sei e ti dirò cosa leggere e ideatrice della rassegna letteraria L’anima colta dell’ingegnere. Nel 2016 pubblica il suo libro d’esordio L’incanto dentro.
All’inizio dell’incontro verrà servito, grazie alla collaborazione con Nicoletta Tul (Una finestra sul tè) un Shincha saemidori, un tè verde primaverile proveniente dalla regione di Kagoshima nel sud del paese. Dove il terreno è minerale e vulcanico e il tè risulta bene bilanciato fra dolce, umami, minerale e fresco.
Feb
4
mar
Thé letterario: la vita di Virginia Woolf, 1882 – 1915
Feb 4@17:00–18:00
Thé letterario: la vita di Virginia Woolf, 1882 - 1915

Martedì 4 febbraio 2020

dalle 17.00 alle 18.00

Thé letterario

Virginia Woolf, la vita

gli anni 1882 – 1915

 

L’associazione Virginia Woolf organizza un nuovo ciclo di incontri del thé letterario.

Il nuovo thé letterario è dedicato alla vita di Virginia Woolf, attraverso un percorso che va dalle biografie alle lettere ai diari. Nel primo incontro parleremo dell’infanzia e della giovinezza dell’autrice inglese, una delle più grandi pensatrici e scrittrici che il nostro mondo abbia avuto la fortuna di veder nascere. Virginia Woolf ha avuto una vita intensa ed appassionata che vale la pena conoscere anche per comprendere meglio le sue immense e fondamentali opere.

Ingresso 5 euro (con tessera Virginia Woolf 2020, costo 20,00 euro).

Qui il programma completo.

Feb
11
mar
“Il cuore non si vede” di Chiara Valerio
Feb 11@18:00–19:30
"Il cuore non si vede" di Chiara Valerio

Martedì 11 febbraio 2020

ore 18.00

Presentazione di

Chiara Valerio,

Il cuore non si vede

con l’autrice dialoga

Emanuele Zinato

introduce

Ilaria Durigon

Martedì 11 febbraio presentiamo a Lìbrati il libro di Chiara Valerio “Il cuore non si vede”, un vorticante romanzo quasi sentimentale sulle cose che ci uccidono e le persone che ci tengono in vita.

“Una mattina, dopo sogni inquieti, Andrea Dileva si sveglia senza cuore. Non è morto, certo, ma forse non è vivo. Semplicemente sta scomparendo sotto gli occhi severi e distratti delle (troppe?) donne che gli stanno intorno. Perché siamo fatti di legami oltre che di tendini, muscoli e ossa. Di allegrie immotivate, mancanze, ferite, amori imperfetti.

Andrea Dileva, quarantenne, studioso, curioso, professore di greco, si sveglia un giorno senza il cuore. Laura vive con lui, è abituata alle sue mancanze, ma questa proprio non se l’aspettava. Carla in teoria sarebbe la sua amante, ma a casa ha un cane, un bimbo, un marito, e poi con il corpo di Andrea ha sempre avuto un rapporto difficile, in fin dei conti le va bene anche cosí. Forse Simone avrebbe la fantasia per capire com’è che l’amico di mamma sta perdendo i pezzi, d’altronde è stato proprio lui a raccontargli storie di leviatani giganti e donne con la coda di pesce. Ma Simone ha otto anni e nessuno ha chiesto il suo parere. Andrea cerca dappertutto una storia che assomigli alla sua, senza trovarla: eppure era convinto che la mitologia fosse l’archetipo di ogni cosa. Certo, se l’umanità intera ha il terrore di morire, deve prendere atto che per lui è diventato impossibile. Come può smettere di battere un cuore che non c’è piú? Chiara Valerio racconta con una leggerezza rara le metamorfosi delle relazioni e la loro meccanica involontaria. Se la storia di un uomo che scompare scintilla di ironia e passione, questa è l’occasione della letteratura.”

Chiara Valerio, nata a Scauri nel 1978, vive e lavora a Roma. Redattrice di Nuovi Argomenti ha scritto per il teatro e per la radio, collabora con “ll Sole 24 Ore” e “l’Unità”, al programma “Ad alta voce” di Rai Radio 3 e con la trasmissione culturale “Pane quotidiano”, Rai 3. Consulente editoriale della casa editrice nottetempo, cura la collana di nuove voci italiane narrativa.it. Ha studiato e insegnato matematica per molti anni e ha un dottorato di ricerca in calcolo delle probabilità. Ha scritto romanzi, racconti, saggi e testi teatrali. Tra le sue pubblicazioni: A complicare le cose (robin, 2003), La gioia piccola d’esser quasi salvi (nottetempo, 2009), Spiaggia libera tutti (Laterza, 2012). Per Einaudi, ha pubblicato Almanacco del giorno prima (2014), Storia umana della matematica (2016) e Il cuore non si vede (2019). Redattore di «Nuovi Argomenti », collabora con «la Repubblica» e il mensile «Amica». Per nottetempo, ha tradotto e curato Flush, Freshwater e Tra un atto e l’altro di Virginia Woolf.

Emanuele Zinato insegna Letteratura italiana contemporanea all’Università di Padova. Si occupa principalmente di  tre ambiti di ricerca: le relazioni fra scienza e letteratura, gli stili  della critica letteraria italiana, il rapporto fra modernizzazione industriale e scritture nel secondo Novecento. Ha curato per Einaudi l’opera di Paolo Volponi. E’ redattore di  “Allegoria” e condirettore di “Studi novecenteschi”. E’ membro della Giuria dei Letterati del Premio Campiello.

 

 

 

 

 

 

Feb
13
gio
Proiezione di “Woolf Works”
Feb 13@18:00–19:30
Proiezione di "Woolf Works"

Giovedì 13 febbraio 2020

ore 18.00

Proiezione di

Woolf Works

(ingresso riservato ai soci dell’associazione Virginia Woolf)

Woolf Works è un balletto in tre atti basato sugli scritti di Virginia Woolf e musicato da Max Richter. Il debutto avvenne alla Royal Opera House di Londra il 12 maggio 2015 ed il balletto ottenne recensioni positive e due vittorie ai prestigiosi Laurence Olivier Award: miglior balletto ed eccellenza nella danza ad Alessandra Ferri.

Il balletto si compone di tre atti, ciascuno basato su una diversa opera della Woolf.

I now, I then

Tratto da La signora Dalloway. Nel giugno 1923, Clarissa Dalloway passeggia per le strade di Londra, in cerca di fiori per la festa che darà quella sera. Mentre cammina, il ricordo della sua giovinezza riaffiora, in particolare il rapporto molto intimo con un’amica; l’arrivo di un vecchio corteggiatore di ritorno dall’India la riporterà indietro a una magica estate del 1890. Intanto anche Septimus, un ex militare con disturbi da stress post-traumatico ed ossessionato dal ricordo dell’amico Evan, ucciso durante la Prima Guerra Mondiale, vaga per le strade di Londra e la disperazione lo porta al suicidio.

A differenza del romanzo, dove i due non si incrociano mai, Clarissa e Septimus si incontrano e danzano un pas de deux.

Becomings

Tratto da Orlando. Il giovane cortigiano Orlando vive una vita che si dirama nei secoli e nei sessi. Nato uomo nell’Inghilterra elisabettiana, viene mandato come ambasciatore a Costantinopoli. Qui, una mattina, si risveglia donna e inizia una nuova vita. Nei secoli a venire vivrà diversi amori, viaggerà e avrà una bambina.

Tuesday

Tratto da Le onde. Vite parallele si incrociano e si separano in un flusso di ricordi, pensieri e parole. La singolarità della ballerina in scena lascia il posto a un numero corale, in cui il singolo personaggio si perde, inghiottito dal resto del cast.

Il terzo atto fa continui riferimenti non solo al romanzo da cui è tratto, ma anche alla vita personale dell’autrice e, in particolar modo, al suo suicidio. La lettera d’addio della Woolf viene letta all’inizio dell’atto.

L’ingresso gratuito è riservato ai soci e alle socie dell’associazione Virginia Woolf (costo tessera 2020, 20,00 euro).

Feb
15
sab
Poesia. Laboratorio di scrittura poetica condotto da Laura Liberale
Feb 15@10:00–17:00
Poesia. Laboratorio di scrittura poetica condotto da Laura Liberale

Sabato 15 febbraio 2020

Dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00

POESIA

Laboratorio di scrittura poetica

condotto da Laura Liberale

Anna Achmatova, Anne Sexton, Adrienne Rich, Anite Koltz, Emily Dickinson, Sylvia Plath, Wislawa Szymborska, Alejandra Pizarnik, Marina Cvetaeva, Amelia Rosselli, Antonella Anedda, Chandra Livia Candiani, Maria Grazia Calandrone, Fernanda Romagnoli, Antonia Pozzi, Vivian Lamarque, Franca Mancinelli, Mariangela Gualtieri, Nadia Campana, Caterina Saviane, Giovanna Rosadini, Paola Malavasi.

Poesia e donne. Vita e versi, vita in versi e versi oltre la vita.  Sono queste le voci e le presenze maestre che ci accompagneranno in un viaggio di ascolto, apprendimento ed esperienza della scrittura poetica. La quotidianità, la diversità, la malattia, la lotta, la spiritualità, l’eccesso, l’impegno: questi, fra gli altri, i grandi temi. E naturalmente lo stile, l’unicità, la ricerca, l’aspirazione e l’ispirazione.

Il corso, della durata di 6 ore, è a numero chiuso ed è necessario iscriversi entro l’ 8 febbrario inviando una mail a libreriadelledonnepadova@gmail.com con oggetto “Iscrizione POESIA” indicando nella mail il proprio numero di telefono.

Costo: 70,00 euro (più 20 euro di tessera dell’Associazione Virginia Woolf).

Laura Liberale ha pubblicato, oltre ad alcuni saggi indologici, i romanzi Tanatoparty (Meridiano Zero, 2009), Madreferro (Perdisa Pop, 2012); Planctus (Meridiano Zero, 2014); le raccolte poetiche Sari – poesie per la figlia (d’If, 2009), Ballabile terreo (d’If, 2011) e La disponibilità della nostra carne (Oèdipus, 2017, premio Lorenzo Montano 2017). È inoltre tra le autrici di Nuovi poeti italiani 6 (Einaudi, 2012). Da parecchi anni tiene corsi e seminari di scrittura creativa e di cultura e filosofia dell’India.

Feb
16
dom
Dar corpo alle parole. Training intensivo ad alta voce
Feb 16@10:00–14:00
Dar corpo alle parole. Training intensivo ad alta voce

Domenica 16 febbraio 2020 dalle 10:00 alle 14:00

Dar corpo alle parole

Training intensivo di lettura ad alta voce

con da Carla Stella

Lìbrati, in collaborazione con l’associazione Virginia Woolf, organizza  un training intensivo di lettura ad alta voce, espressiva ed interpretativa.

Lo scopo è migliorare nella propria capacità di rendere vivo un testo in modo che sia davvero comprensibile a chi ascolta, saper creare emozioni, immagini, riflessioni. Il lettore ad alta voce deve essere non solo curioso, ma sensibile alle suggestioni fornite dai testi, lasciare riaffiorare i ricordi e le sensazioni per entrare in empatia con le parole dette.

Obiettivi:

  • Far emergere le potenzialità creative ed espressive della propria voce;
  • Scoprire il piacere di una lettura ad alta voce;
  • Offrire nuovi percorsi creativi alla circolazione della parola;
  • Condividere pensieri, sentimenti ed emozioni in modo profondo e dinamico;
  • Attivare uno strumento di conoscenza più specifica dell’uso dei propri mezzi espressivi.

Contenuti:

  • Analisi dell’autore e dell’opera;
  • Esercizi di lettura espressiva;

A chi è rivolto:

A studenti, docenti, liberi-professionisti e a tutti coloro che desiderano entrare nel vivo di ogni processo comunicativo con competenza e padronanza di tutti i mezzi espressivi, nonché di tutte le chiavi di lettura inerenti una possibile grammatica interpretativa ed espressiva per un uso sempre più consapevole delle proprie potenzialità comunicative.

Costo 50,00 euro (con tessera Virginia Woolf valida per tutto il 2020, costo 20,00 euro). Per iscriversi è sufficiente inviare una mail a libreriadelledonnepadova@gmail.com con indicato nell’oggetto “Conferma partecipazione corso Carla Stella”

Carla Stella, attrice professionista, si diploma nel 1987 all’Accademia Regionale Veneta diretta da Arnoldo Foà. In campo cinematografico è stata diretta da registi come Gabriele Salvatores, Marco Bellocchio, Marco Pontecorvo, Enrico Lando, Emilio Briguglio e altri. In televisione ha partecipato a Fiction e programmi su MTV, SKY, RAI1 e RAI 2, CANALE 5. E’ stata protagonista in Spot pubblicitari per campagne nazionali ed internazionali. Dal 2016 lavora come docente all’ Accademia del doppiaggio diretta da Christian Iansante e Roberto Pedicini. Nel 2001 ha vinto il Premio come miglior attrice al Forum Internazionale di Vilnius.

Feb
18
mar
Thé letterario: Virginia Woolf, la vita e i diari, anni 1915 -1919
Feb 18@17:00–18:00
Thé letterario: Virginia Woolf, la vita e i diari, anni 1915 -1919

Martedì 18 febbraio 2020

dalle 17.00 alle 18.00

Thé letterario

Virginia Woolf, la vita e i diari

gli anni 1915-1919

L’associazione Virginia Woolf organizza un nuovo ciclo di incontri del thé letterario.

Il nuovo thé letterario è dedicato alla vita di Virginia Woolf, attraverso un percorso che va dalle biografie alle lettere ai diari. Nel primo incontro parleremo dell’infanzia e della giovinezza dell’autrice inglese, una delle più grandi pensatrici e scrittrici che il nostro mondo abbia avuto la fortuna di veder nascere. Virginia Woolf ha avuto una vita intensa ed appassionata che vale la pena conoscere anche per comprendere meglio le sue immense e fondamentali opere.

Ingresso 5 euro (con tessera Virginia Woolf 2020, costo 20,00 euro).

Qui il programma completo.

Feb
21
ven
Jane Austen – la vita
Feb 21@18:00–19:30
Jane Austen - la vita

Venerdì 21 febbraio 2020

ore 18

presentazione di

“Jane Austen. La vita”

di

Claire Tomalin

Interviene

Cecilia Mutti

(direttore editoriale di Nuova editrice Berti e traduttrice)

Introduce

Mara Barbuni

(Jasit – Jane Austen Society of Italy)

Di lei abbiamo solo un ritratto a matita, qualche lettera, gli scritti giovanili e sei meravigliosi romanzi. Eppure, tanto è bastato a rendere Jane Austen una delle scrittrici più celebri e amate di tutti i tempi. Si è spesso detto che la sua “è stata una vita priva di eventi significativi”, ma Claire Tomalin, nella sua monumentale biografia, dimostra il contrario: ogni singolo dettaglio ha contribuito a formare la Jane scrittrice, a ispirarne personaggi e ambientazioni. Un viaggio di quasi cinquecento pagine nell’Inghilterra di fine Settecento e inizio Ottocento, tra complessi intrighi familiari che sono già materia da romanzo: Jane Austen è insieme osservatrice e protagonista incontrastata, talvolta concentrata su carta e calamaio nella sua camera tappezzata di azzurro, oppure alle prese con un ballo o una rappresentazione teatrale, in visita da amici e parenti nella campagna dell’Hampshire e del Kent, o immersa nella vita mondana di Bath e Londra. Non solo gli avvenimenti quotidiani, ma anche il suo spirito libero e sagace nel leggere il mondo ipocrita che le stava intorno: un immenso lavoro di ricerca, che ricostruisce tutto ciò che ha reso Jane Austen unica e indimenticabile.

Cecilia Mutti, direttore editoriale di “Nuova editrice Berti” e traduttrice.

Mara Barbuni, traduttrice e studiosa di letteratura inglese, lavora come insegnante di lingue e traduttrice e ha contribuito a fondare JASIT, la Jane Austen Society of Italy; è l’ideatrice e direttrice della rivista dell’associazione, Due pollici d’avorio. Tra il 2013 e il 2015 ha tradotto per la casa editrice Jo March Jane Austen: i luoghi e gli amici (guida di viaggio sulle tracce di Jane Austen) di Constance Hill, l’intenso romanzo storico di Elizabeth Gaskell Gli innamorati di Sylvia e l’ultimo romanzo della scrittrice, Mogli e figlie. A marzo 2016 è uscito il suo saggio Elizabeth Gaskell e la casa vittoriana (ediz. flower-ed).

Feb
28
ven
Beatrice Hastings – In full revolt
Feb 28@18:00–19:30
Beatrice Hastings - In full revolt

Venerdì 28 febbraio 2020

ore 18

Beatrice Hastings

In full revolt

Interverranno gli autori e curatori

Maristella Diotaiuti

Federico Tortora

caffè letterario Le Cicale Operose – Livorno

Introduce

Antonella Cunico

Siamo liete di presentare il volume “Beatrice Hastings – in full revolt”, edito e a cura del caffè letterario Le Cicale Operose – Livorno.
Si tratta del primo lavoro di raccolta e di traduzione, in Italia e all’estero, delle opere di Beatrice Hastings, intellettuale poliedrica e complessa, giornalista, poetessa, scrittrice. L’antologia comprende poesie, racconti, un romanzo breve, oltre ad articoli politici e femministi pubblicati su riviste letterarie, nonché alcune produzioni e memorie riferite al periodo parigino vissuto con Amedeo Modigliani.
Il volume contiene anche un’analisi sull’intensa vita di Beatrice Hastings e di alcune sue opere, a cura e di Maristella Diotaiuti (Le Cicale Operose), ampi cenni biografici a cura e di Federico Tortora (Le Cicale Operose) e un catalogo ragionato dei ritratti di Beatrice Hastings eseguiti da Amedeo Modigliani, a cura e della Storica dell’arte prof.ssa Anna Maria Panzera. Le traduzioni sono di Matilde Cini.
La bellissima opera “Beatrice Hastings”, raffigurata in copertina, è dell’artista Marek Dutka.
Intervengono: Maristella Diotaiuti (Autrice, curatrice) e Federico Tortora (Autore, curatore).

Federico Tortora  è titolare del caffè letterario “Le Cicale Operose”. È ideatore e promotore degli eventi culturali del caffè letterario. Ha pubblicato “Il testamento di Jenny” Ed. Erasmo (2014).

Maristella Diotaiuti ) è ideatrice, promotrice e curatrice degli eventi culturali del caffè letterario “Le Cicale Operose”. Di formazione universitaria (Lettere Moderne – Federico II). Si occupa di letteratura femminile, di poesia e di ricerca delle autrici dimenticate.

Antonella Cunico, ex insegnante e formatrice sulla differenza di genere, è nata e vive a Vicenza, dove è stata tra le fondatrici dell’associazione Donna chiama Donna. Ha lavorato per la Scuola di Specializzazione per la formazione degli insegnanti del Veneto, tenendo laboratori sulla scrittura delle donne. nel 2009 ha fondato con altre l’associazione femminileplurale, promuovendo iniziative sul pensiero e sulle pratiche politiche delle donne. Consulente in ricerca didattica e formativa, ha recentemente partecipato alla stesura del volume collettaneo L’Ecofemminismo in Italia, le radici di una rivoluzione necessaria, Il Poligrafo, 2017.

Ingresso libero

Mar
28
sab
Esercizi di stile – laboratorio di scrittura
Mar 28@10:00–Mar 29@17:00
Esercizi di stile - laboratorio di scrittura

Sabato 28 e domenica 29 marzo 2020

dalle 10 alle 13, dalle 14 alle 17

Esercizi di stile

laboratorio di scrittura

con

Barbara Buoso

Nel laboratorio intensivo “esercizi di stile” verra’ sviluppato’ il tema della scrittura dal punto di vista dello stile. Attraverso il confonto con i testi di grandi autrici e grandi autori che sperimentano stili diversi analizzeremo come le storie possono essere scritte. Le parole scelte, l’aggettivazione, la punteggiatura, il registro, il ritmo, i silenzi, sono tutti elementi che rendono una voce unica e riconoscibile.

Proporremo esercizi per provare a sintonizzarci su forme e stili di scrittura diversi mettendoli in pratica in testi di invenzione.

Proveremo poi a individuare per ciascun partecipante le caratteristiche naturali di scrittura e a guidare ciascuno, secondo quelli che sono i suoi contenuti di scrittura, a scoprire la sua voce, il suo modo personale di scrivere.

Il corso costa 140,00 euro (con tessera Virginia Woolf 2020 costo 20,00).

Per iscriversi è necessario inviare una mail con oggetto “conferma iscrizione esercizi di stile” indicando nella mail il proprio numero di cellulare.

 

*i posti sono limitati*

Barbara Buoso, nata a Rovigo nel 1972, vive e lavora a Padova. Nel 2003 pubblica il suo romanzo d’esordio “Aspettami” con Croce Editore. Nel 2014, su segnalazione di Emma Dante, pubblica “L’ordine innaturale degli elementi “(Baldini & Castoldi). Vincitrice con il racconto “Nevicata” del concorso di racconti “Lìbrati e vola” (pubblicato poi nel 2016 nella raccolta “Soffia un vento contrario”, L’Iguana Editrice). E’ uscito a febbraio 2018 il suo ultimo romanzo “E venni al mondo” (Apogeo editore). Insegna scrittura creativa alla Scuola di scrittura Virginia Woolf.